Patate duchessa

Guarda il video >>

Le patate duchessa o patate duchesse sono un contorno a base di patate lesse, uova e burro di origine francese. Il nome originale in francese è pommes duchesse.

La peculiarità delle patate duchessa è quella di essere croccanti fuori e morbide all'interno, grazie ad una cottura in forno molto caldo (circa 200°C) per pochi minuti (15 min).

Si presentano come piccole montagnette rigate dalla doratura esterna, forma data dalla punta a stella della sac-a-poche.

La ricetta italiana il più delle volte arricchisce quella francese aggiungendo tra gli ingredienti il Parmigiano Reggiano grattugiato.

Rimangono pressochè invariate, invece, le spezie usate: noce moscata e pepe bianco, che danno un tocco pungente ad una ricetta in cui gli altri ingredienti sono tutti a tendenza dolce.

Ricetta delle patate duchessa

Patate Duchessa

Preparare le patate duchessa è molto semplice, si tratta di lessare le patate e farne un purè, quindi di trasferirlo in una sac-a-poche e di trasferirlo su una teglia formando le proprie patate duchessa, di sicuro impatto scenografico per gli ospiti!

Aggiungo che questa è una ricetta indicata anche per vegetariani e per celiaci

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di patate farinose a pasta bianca
  • 3 uova grandi
  • 50 g di burro
  • 60 g di Parmigiano-Reggiano
  • una spolverata di noce moscata
  • sale e pepe bianco q.b.

 

 

Procedimento: sbucciare e lavare le patate, quindi lessarle "all'inglese", ossia mettendole in una pentola con acqua fredda salata, portando ad ebollizione e cuocendo finchè non saranno tenere (circa 30 minuti, dipende dalle dimensioni).

Scolare le patate e, appena si intiepidiscono, passarle nello schiacciapatate o in un passaverdura.

Alla purea aggiungere il pepe bianco, la noce moscata, il burro ammorbidito ed amalgamare bene, per ultime unire le uova.

Una volta ottenuto un composto liscio e omogeneo trasferirlo dentro un sacchetto da pasticceria, usare una punta a stella di medie dimensioni e formare le proprie patate duchessa in una teglia ricoperta da carta da forno (nidi di rondine, roselline, montagnette, ciambelle...).

Cuocere a 200°C per 15 minuti, finchè le patate non si saranno dorate esternamente e servire calde, magari come accompagnamento di arrosti di carne o di pesce.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.