Korma indiano

Il korma è un piatto tipico della cucina indiana, gustato come secondo piatto o piatto unico e che può essere a base di pollo (il più diffuso), di agnello o di sole verdure, quest'ultimo detto Navratan Korma. Ultimamente si trovano nei ristoranti indiani (e possono essere tranquillamente riprodotti a casa) anche korma vegetariani di formaggio, legumi, tofu o seitan.

Il korma si presenta come uno stufato in salsa cremosa solitamente di colore giallo, ciò è dovuto alla presenza di una delle spezie principali indiane, la curcuma. Come ogni piatto indiano che si rispetti, anche il korma è molto speziato (oltre alla curcuma sono presenti zenzero, cumino, cardamomo...) e il suo livello di piccantezza può variare da ricetta a ricetta.

Esiste anche il korma rosso, che aggiunge tra gli ingredienti la passata di pomodoro.

Solitamente il korma viene servito affiancato da una ciotola di riso basmati in bianco.

Origini del korma indiano

La ricetta del korma affonda le sue radici in realtà nella cucina persiana. I cuochi persiani avevano la tradizione di marinare la carne nello yogurt a lungo prima della cottura, così che risultasse più tenera e morbida.

 

 

Una volta emigrati in India i persiani arricchirono questa loro specialità di spezie e successivamente, dal Settecento in poi, la ricetta si arricchì di tanti altri ingredienti internazionali (mandorle, pomodoro, panna, zucchero...) fino ad arrivare alle tante varianti che esistono oggi.

In particolare, il korma è tipico dell'India del Nord (Delhi e Uttar Pradesh) e del Pakistan.

Ricetta del korma indiano (chicken korma)

Korma

Ricordo che la carne di pollo può essere sostituita con quella di agnello, con il tofu, il seitan, un formaggio poco stagionato come il quartirolo o semplicemente da verdure.

La ricetta originale prevede di usare il ghee, il burro chiarificato indiano, ma se non si riesce a reperirlo si può sostituire con burro chiarificato nostrano.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 1 pollo intero tagliato a pezzi
  • 2 vasetti di yogurt bianco
  • 20 g di ghee (o burro chiarificato)
  • 10 cl di panna liquida (o latte di cocco se piace)
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cipolla
  • 20 g di mandorle spellate e tostate (o arachidi o anacardi)
  • 50 g di spezie ed erbe aromatiche miste (curcuma, zenzero, cumino, cardamomo, menta, pepe nero, senape, peperoncino)
  • qualche fogliolina di prezzemolo e coriandolo freschi per decorare
  • sale q.b.

Preparazione

In una teglia foderata di carta da forno sistemare i pezzi di pollo praticando delle incisioni non troppo profonde sulla carne con il coltello, questo permetterà alla marinatura di penetrare bene. Salarli e poi cospargerli con la marinatura che va preparata in una ciotola mescolando lo yogurt con l'aglio tritato, le mandorle sminuzzate, lo zenzero grattugiato e le spezie (volendo si possono frullare tutti gli ingredienti insieme). Mettere la teglia in frigorifero e lasciare marinare dalle 3 alle 12 ore. Quando termina la marinatura in una padella cuocere la cipolla affettata sottilmente nel burro (o ghee) ed unire il pollo con tutta la marinatura, lasciarlo cuocere per circa 20 minuti, quindi aggiungere la panna liquida e cuocere per altri 20-30 minuti, finchè la salsa non si è rappresa ed è diventata cremosa. Servire in tavola con una spolverata di prezzemolo/coriandolo tritati e una ciotola di riso basmati.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

297 kcal - 1241 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

33 g

Proteine

34 g - 45%

Carboidrati

4 g - 5%

Grassi

16 g - 49%

di cui

 

saturi

6.7 g

monoinsaturi

6.1 g

polinsaturi

2.1 g

Fibre

1 g

Colesterolo

140 mg

Sodio

141 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.