Riso alla cantonese

Il riso alla cantonese è un piatto tipico della cucina cinese, o meglio della cucina cantonese.

Infatti in Cina convivono cinque cucine regionali diverse. Quella cantonese è la cucina più conosciuta in Europa perché è quella che viene proposta nei ristoranti cinesi che conosciamo.

Fa parte dei piatti a base di riso saltato nel wok, o riso fritto (fried rice in inglese), un piatto molto diffuso in tutta l'Asia e anche in Africa, che ha fatto il giro del mondo e viene proposto in moltissimi fast food etnici in Europa e soprattutto in America.

Il riso saltato nasce come ricetta di recupero per utilizzare il riso freddo del pasto precedente o del giorno prima, condito con gli ingredienti a disposizione.

Il riso alla cantonese come lo conosciamo è un riso saltato nel wok, condito con cipolla, piselli, prosciutto cotto e frittata, e insaporito con salsa di soia.

La presenza della salsa di soia non è invadente e gli altri ingredienti sono tipicamente occidentali, dunque il gusto del riso alla cantonese è accettato anche da chi non ama i piatti della cucina orientale o dal gusto orientaleggiante.

La presenza di prosciutto cotto tradisce il fatto che la ricetta che conosciamo è stata in realtà occidentalizzata, perché il prosciutto cotto non è senz'altro un ingrediente tipico cinese! Molto probabilmente in Cina viene utilizzata carne di maiale e non il prosciutto e altrettanto probabilmente avrà un sapore molto diverso.

La presenza della frittata non è una peculiarità del riso alla cantonese, è presente per esempio nel piatto simbolo della cucina tailandese, il paad thai.

 

 

Sì o no?

Il riso alla cantonese in genere è piuttosto calorico, basta guardare le ricette che si trovano in rete, che contengono circa 15 g di olio a testa, più un uovo, il prosciutto cotto, e le verdure non sono presenti in grandi quantità. Tuttavia essendo un piatto che contiene verdure è facilmente modificabile rendendolo un piatto Sì da concedersi quando si vuole (anche durante una dieta!).

La ricetta del riso alla cantonese

Cucinare il riso alla cantonese non è così semplice come potrebbe sembrare: occorre cuocere molto bene la frittata, affinché vengano sprigionati gli aromi tipici dell'uovo fritto, e bisogna cuocere bene le verdure, perché restino croccanti ma non crude. Il riso andrebbe preparato prima e fatto raffreddare altrimenti i chicchi potrebbero incollarsi tra loro e sarebbe difficile saltarlo in padella a causa della eccessiva umidità.

Riso alla cantonese

Nella mia versione ometto il prosciutto cotto e utilizzo al suo posto la pancetta, più facile da reperire senza conservanti nocivi (nitriti, E250...). E sinceramente non sono un amante del prosciutto cotto, un prodotto troppo industriale, quando mi capita mangio molto volentieri una spalla cotta di San Secondo.

La ricetta del riso alla cantonese con prosciutto cotto prevede di sostituire 40 g di olio alla pancetta, e aggiungere 100 g di prosciutto cotto da aggiungere quasi a fine cottura.

Esiste anche una variante con i gamberetti, per aggiungerli alla ricetta seguente basta aggiungerne 150 g circa.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di riso basmati o thai
  • 100 g di pancetta o guanciale
  • 150 g di cipolle bianche
  • 150 g di carote
  • 150 g di piselli freschi o surgelati
  • 4 uova intere
  • 2 spicchi di aglio
  • 4 cucchiai di salsa di soia

Preparazione

Cuocere il riso basmati in 600 g di acqua bollente, coprire, cuocere a fuoco basso circa 8-10 minuti finché l'acqua non è stata assorbita, spegnere, mettere in un piatto o in una pentola di acciaio e far raffreddare completamente.

Tritare la cipolla, tagliare le carote a dadini e tritare l'aglio. Cuocere la pancetta tagliata a dadini in una padella antiaderente di 28 cm, quando ha rilasciato il suo grasso unire cipolla, carota e aglio e cuocere coperto, a fuoco basso, per 5 minuti, quindi unire le uova, cuocere a fuoco alto mescolando continuamente un cucchiaio di legno, strapazzandole finché non iniziano a prendere colore. Aggiungere i piselli, il riso e la salsa di soia e far asciugare bene il tutto, mescolando col cucchiaio di legno. Quando il riso è ben asciutto, servire.

Densità calorica: 130 kcal/hg

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

451 kcal - 1885 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

13 g

Proteine

19 g - 17%

Carboidrati

69 g - 60%

Grassi

12 g - 23%

di cui

 

saturi

4.1 g

monoinsaturi

7.3 g

polinsaturi

1.9 g

Fibre

5 g

Colesterolo

181 mg

Sodio

355 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Dolma (foglie di vite ripiene)

Le foglie di vite non sono un ingrediente usuale in Italia ma vengono molto usate nella cucina mediorientale per fare i dolma, involtini ripieni di carne e riso.


Pasta al tonno in bianco

La pasta al tonno in bianco: un classico della cucina moderna poiché semplice e veloce. Fatta con il tonno in scatola sott'olio.


Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro: la preferita di Gian Burrasca, scopriamone la tradizione e la ricetta.


Civet di capriolo

Il civet di capriolo: una ricetta tradizionale di origine francese per cucinare la selvaggina e non solo.

 


Sanguinaccio dolce

Il sanguinaccio dolce: una crema al cioccolato che per tradizione veniva fatta con il sangue di maiale, tipica del periodo di carnevale.


Casatiello

Il casatiello napoletano salato: una torta salata tipica della cucina napoletana che si consuma a Pasqua. Fatta con pasta di pane condita con salumi e sormontata da uova sode.


Ragù di cervo

La ricetta del ragù di cervo: un condimento da abbinare alla polenta oppure alla pasta fresca all'uovo. Tutti i consigli per trattare al meglio la carne di selvaggina.


Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana, fatti di semolino e non di patate, sono un primo piatto tradizionale laziale.