Yaki soba

Yaki soba o yakisoba è il termine giapponese per indicare gli spaghetti di grano saraceno "fritti", o meglio saltati in padella. I soba, come già spiegato in un altro articolo, sono degli spaghetti fatti con farina di grano saraceno lunghi e sottili che vengono cotti per pochi minuti in acqua bollente, lasciati al dente e poi finiti di cuocere in una padella wok assieme ad altri ingredienti, le verdure non mancano mai (carote, cipolle, germogli di bambù, germogli di soiacavoli...) e ad esse possono essere aggiunti una moltitudine di altri ingredienti, in base alla scelta del cuoco e ai propri gusti personali.

Ad esempio, ci sono yakisoba solo di verdure, adatti ai vegetariani, quelli con carne di pollo fatta a pezzettini, oppure quelli con gamberi, con calamari e così via.

Sono da considerarsi un piatto unico e si possono adattare facilmente ai vincoli della Cucina Sì, grazie alla presenza di molte verdure, al grado di appetibilità e di sazietà.

 

 

Gli yaki soba, inoltre, vengono aromatizzati con varie spezie, aromi o salse, che apportano molto dal lato del gusto e non influiscono sulle calorie, ad esempio dei condimenti che troviamo spesso in Giappone sono il katsuobushi (scaglie di pesce), oppure la polvere di alghe, o ancora la salsa di ostriche o lo zenzero grattugiato, reperibili anche qui da noi nei negozi di alimenti asiatici.
A volte si trovano yakisoba conditi con una sorta di maionese giapponese, dal sapore diverso della nostra.

Gli yakisoba sono serviti in praticamente tutti i ristoranti giapponesi e sono considerati anche uno street food, reperibile in tutte le feste e le sagre di paese giapponesi.

Vengono venduti anche in sacchetti già precotti e disidratati a prezzi modici, ma consiglio di evitare questi prodotti di quarta gamma pronti al consumo, ricchi di conservanti e additivi, e di prepararli in casa, sono semplicissimi. Si possono acquistare i soba o i noodles nei negozi asiatici, oppure si possono utilizzare anche spaghetti nostrani o tagliolini all'uovo.

Ricetta degli yaki soba con gamberi

Yakisoba

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di soba (o spaghetti o tagliolini)
  • 1 cipolla
  • 60 g di cavolo cappuccio bianco o cavolo cinese
  • 2 carote
  • 200 g di gamberi sgusciati
  • 10 g di aonori (alghe nori)
  • 2 cucchiai di olio
  • sale

Preparazione

Fare un soffritto con la cipolla e le carote tagliate a julienne e unire anche il cavolo cappuccio tagliato a strisce sottili, cuocere per almeno 15 minuti, prima di unire i gamberi sgusciati, continuare la cottura per pochi minuti, sistemare di sale e spegnere la fiamma.

Sbollentare i soba in acqua bollente poco salata (generalmente i soba sono già salati), oppure seguire i tempi di cottura degli spaghetti o dei tagliolini, scolarli al dente e versarli in padella con gli altri ingredienti, a fiamma vivace e con un gioco di polso farli saltare per un paio di minuti, guarnire il tutto con striscioline di alghe nori e servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

379 kcal - 1584 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

7 g

Proteine

15 g - 16%

Carboidrati

61 g - 66%

Grassi

7 g - 18%

di cui

 

saturi

1.1 g

monoinsaturi

6.0 g

polinsaturi

1.2 g

Fibre

5 g

Colesterolo

35 mg

Sodio

64 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Sfincione palermitano (U' sfinciuni)

U' sfinciuni (lo sfincione): non una semplice pizza ma uno dei cibi tipici dello street food palermitano, fatto da un impasto molto soffice con un fondo croccante.


Focaccia barese

La focaccia barese, ricetta con poolish, impasto a macchina e a mano: tutelata da un Consorzio e adorata da tutti i pugliesi.


Pasta ai quattro formaggi

Pasta ai quattro formaggi, ovviamente senza panna: un simbolo dell'Italia all'estero. Quali formaggi usare? E come creare la cremina?


Pane con la milza (pani cà meusa)

Il pane con la milza (pani cà meusa): un panino irresistibile tipico dello street food palermitano.

 


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.