Udon

Gli udon sono una sorta di spaghetti tipici della cucina giapponesi composti da farina di grano, sale e acqua, sono spessi (più spessi degli spaghetti soba composti da grano saraceno e acqua), più simili a dei pici o a dei bigoli, di colore giallo pallido e di consistenza gommosa. Spesso i termini udon e noodles vengono utilizzati indistintamente, anche se i noodles indicano tutta la categroia della pasta giapponese simil-tagliatelle e gli udon ne sono una sottocategoria.

Solitamente gli udon possono essere serviti in due modi: o saltati al wok (yaki udon = udon fritti) assieme a vari ingredienti, oppure serviti in brodo a mo' di zuppa, come ad esempio nel ramen. Il brodo giapponese cambia a seconda della zona dove viene servito, in generale nella costa occidentale il brodo è più scuro poiché viene utilizzata la koikuchi shoyu, la salsa di soia scura, mentre nella costa orientale è un broido di un colore marroncino chiaro, dovuto all'utilizzo di una salsa di soia "light", la usukuchi shoyu.

Come molti altri piatti di pasta anche gli udon vengono serviti caldi in inverno e freddi in estate, in insalata o accompagnati da brodo freddo.

Origine e tradizione degli udon

Per quanto alcune leggende vogliono che gli udon siano stati inventati da un monaco già nel 1200 a.C., la versione più accreditata sull'origine di questi spaghetti li vede nascere durante l'epoca Edo (1603-1868) quando in Giappone si dovette trovare una soluzione all'epidemia di beri-beri, una malattia dovuta alla carenza di tiamina, uno degli amminoacidi essenziali che praticamente non assumevano con la loro dieta abituale prevalentemente a base di riso, un cereale carente, appunto, di tiamina.

 

 

In quell'epoca vennero introdotte in Giappone nuove coltivazioni di altri cereali come il frumento e come il grano saraceno (gli spaghetti soba nacquero nello stesso periodo e per lo stesso motivo).

La prima ricetta di udon codificata si può leggere nel libro di ricette Ryori monogatari ("Storie di cucina") datato 1643. 

Varianti degli udon

Udon

La differenza fondamentale sta nella scelta di una ricetta brodosa (una zuppa) o di una ricetta "asciutta", più simile ad un primo piatto di pasta così come lo consideriamo in Italia.

Inoltre vi sono alcuni udon serviti caldi e altri freddi. Di seguito proponiamo un elenco delle possibili versioni e degli abbinamenti tra quelli più rappresentativi.

  • Kake udon: la ricetta più semplice, gli spaghetti vengono immersi in un brodo a base di dashi, mirin e salsa di soia e poi completati con erba cipollina, scalogno o cipollotto tritati, questa è la preparazione di base per tutti gli udon brodosi,
  • Kitsune udon: in brodo sormontati da frittelle di tofu fritto,
  • Tempura udon: in brodo sormontati da una tempura di gamberi e verdure,
  • Tsukimi udon: in brodo con sopra un uovo crudo,
  • Wakame udon: in brodo con l'aggiunta di alghe wakame,
  • Kare udon o Curry udon: una zuppa a base di curry, udon e pezzi di carne,
  • Zaru udon: serviti con sopra alga nori, zenzero e wasabi grattugiati e con a parte un brodo freddo,
  • Kijoyu udon: una versione agrodolce con succo di agrumi, salsa di soia e daikon fresco grattugiato,
  • Chikara udon: in brodo con frittelle di riso,
  • Yaki Udon: la versione con gli udon degli yaki soba.

Udon in casa

Volendo preparare gli udon in casa la cosa migliore sarebbe scegliere la farina udonko, fatta apposta per questi spaghetti e in vendita nei negozi asiatici. Dietro la confezione, solitamente, c'è la ricetta spiegata passo passo con tanto di immagini. In alternativa si può optare per una farina "nostrana" che sia ricca di glutine e forte, come quella per fare il pane.

Un'accortezza, dal momento che gli udon sono già salati, dato che hanno già il sale nell'impasto, non è necessario salare l'acqua di cottura!

Ricetta degli Yaki Udon

Questa è solo una ricetta di esempio, su come si possono utilizzare gli udon per preparare una ricetta tipicamente giapponese, ma con ingredienti non troppo ricercati e dal gusto non troppo particolare, che ben si adatta al palato di noi occidentali.

Ingredienti per 2 persone:

  • 160 g Gamberi

  • 120 g Udon

  • 140 g di cavolo verza

  • 2 carote di medie dimensioni

  • 30 g di Salsa di soia

  • 30 g di Mirin

  • 10 g di Sake

  • Pepe bianco

  • Olio

Preparazione: private i gamberi del carapace, del budellino e tagliateli a pezzetti. In una padella mettete un po' di olio e quando è caldo versate i gamberi e successivamente le verdure. A parte fate bollire in una pentola l'acqua e poi mettete gli Udon. Scolateli al dente (circa 3 minuti) ed uniteli alla padella con i gamberi e le salse. Aggiungete le salse, il pepe e continuate a mescolare finché il liquido non è completamente assorbito.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Risotto oro e zafferano di Gualtiero Marchesi

Il risotto all'oro: probabilmente la ricetta più famosa di Gualtiero Marchesi, una rivoluzione non solo estetica.


Sartù di riso (ricetta napoletana)

Il sartù di riso: una ricetta della cucina napoletana, in pratica un timballo, super ricca di ingredienti e di gusto.


Spaghetti con le vongole rossi (con pomodoro)

Spaghetti con le vongole in rosso? Perché no, con salsa di pomodoro, con pomodorini freschi, con pomodorini confit....ognuno come preferisce.


Spaghetti con le vongole

Gli Spaghetti con le vongole: un classico primo piatto di mare, in versione risottata, per sfruttare a pieno tutto il gusto di questi squisiti molluschi.

 


Risotto all'aglio nero

Risotto all'aglio nero: un abbinamento azzeccato sia per sapore sia per cromaticità. Come nella ricetta di Riccardo Camanini (Ristorante Lido 184).


Timballo di riso

Il timballo di riso: un classico primo piatto italiano dalle molte varianti.


Risotto alla parmigiana

Risotto alla parmigiana: a base di pochissimi ingredienti (riso, burro e parmigiano) può fungere da base per qualsiasi altro risotto.


Soufflé al formaggio

Il soufflè al formaggio: sono tante le varianti di questa ricetta famosissima, nella nostra usiamo parmigiano e gorgonzola.