Ravioli al nero di seppia

I ravioli al nero di seppia sono uno dei tanti modi con cui la sfoglia si può sposare al nero di seppia, il liquido nero contenuto dentro la sacca di alcuni molluschi, tra cui seppie, polpi, calamari e totani.

Reperire i ravioli al nero, o ravioli neri, non è semplicissimo, non sono un piatto tipico o tradizionale italiano, ma la loro presenza sui banconi dei supermercati e/o dei negozi di pasta fresca dipende molto dalle scelte dei proprietari, eccezion fatta per alcune zone costiere o del Sud come la Sicilia, dove il nero di seppia è un ingrediente all'ordine del giorno.

Si possono, però, preparare facilmente a casa, basta avere un po' di manualità nel fare la sfoglia o munirsi di una macchina per la pasta fresca.

Trucchi e segreti della sfoglia al nero di seppia

Al momento di realizzare la nostra sfoglia al nero, occorre tener presente che il nero di seppia preferibile è quello liquido, non in polvere, che mantiene un aroma più intenso e gustoso.

Una bustina di nero di seppia ha dei prezzi accessibilissimi (circa 2 € per 10 g) e ne basta veramente pochissimo per colorare l'intera sfoglia (2-3 g per uovo).

In alternativa, lo si può ricavare direttamente comprando una seppia non pulita o facendola pulire al nostro pescivendolo.

 

 

Il sapore del nero di seppia è molto intenso e sapido e la fa da padrone, quindi suggerisco di abbinarlo a pochi altri ingredienti, preferibilmente a tendenza dolce, come la seppia stessa, o un altro pesce come la spigola nella ricetta che propongo di seguito, o gamberetti, pomodorini, asparagi, salicornia (asparagi di mare) e qualche erba aromatica. Il piatto deve essere semplice, per apprezzare a pieno la potenza gustativa del nero di seppia.

Il ripieno dei ravioli può essere costituito da pesce, amalgamato con patate lesse o con una ricotta dolce e delicata.

Questa ricetta è della congrega dei liffi, che ringraziamo.

Ricetta dei ravioli neri di spigola e ricotta profumati alla maggiorana

Ravioli al nero di seppia

Se non si ha molto tempo, i ravioli possono essere preparati in anticipo e poi congelati.
Attenzione al sale! Il nero di seppia è già salato di suo.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

Per la Pasta:

  • 200 g di farina tipo 0 
  • 2 uova 
  • 1 cucchiaio da cucina raso di nero di seppia (6 g circa)

Per il Ripieno:

  • 300 g di filetto di spigola 
  • 2 cucchiai di maggiorana (o timo) tritata finemente 
  • 100 g di ricotta di mucca alla panna 
  • una noce di burro 
  • un albume scarso, leggermente montato 
  • uno spicchio di aglio 

Preparazione

Per prima cosa preparare il ripieno, tagliare il pesce a dadini piccoli e farlo sfrigolare per pochi attimi in padella antiaderente con un filo d'olio e l'aglio. Trasferire in una ciotola, togliere l'aglio e aggiungere la maggiorana, la ricotta e l'albume montato, mescolare fino a creare un composto cremoso, far riposare e raffreddare.

Preparare la pasta facendo una fontana con la farina, aggiungendo le uova e il nero di seppia, impastare bene e a lungo e quindi e tirarla (con la macchina o il mattarello) sottile.

Confezionare i ravioli facendo quadrati di circa 4-5 cm e riempirli con un cucchiaino di impasto di spigola.

Lessarli per pochissimi secondi (fino a che non vengono a galla) e condirli con burro fuso a bagnomaria, olio crudo e maggiorana fresca.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

312 kcal - 1304 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

17 g

Proteine

23 g - 28%

Carboidrati

40 g - 48%

Grassi

9 g - 24%

di cui

 

saturi

3.9 g

monoinsaturi

2.1 g

polinsaturi

0.8 g

Fibre

1 g

Colesterolo

139 mg

Sodio

96 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pane con la milza (pani cà meusa)

Il pane con la milza (pani cà meusa): un panino irresistibile tipico dello street food palermitano.


Pasta ai quattro formaggi

Pasta ai quattro formaggi, ovviamente senza panna: un simbolo dell'Italia all'estero. Quali formaggi usare? E come creare la cremina?


Focaccia barese

La focaccia barese, ricetta con poolish, impasto a macchina e a mano: tutelata da un Consorzio e adorata da tutti i pugliesi.


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.

 


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.