Scialatielli all'amalfitana

Scialatielli è il termine campano usato per indicare un formato di pasta fresca che deriva dall'unione di due parole dialettali: "scialare" (godere) e "tiella" (padella o tegame, a questo proposito si vedano altre ricette di tiella).

Nonostante la paternità degli scialatielli sia da ricercarsi nella costiera amalfitana, essi compaiono in molti menù anche al di fuori della Campania, soprattutto al Sud e soprattutto in Sicilia. In Campania, però, sono elencati tra i PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione).

Il condimento degli scialatielli può avere infinite varianti, come d'altronde qualsiasi altro formato di pasta, ma generalmente vengono conditi con il pesce locale (ai frutti di mare, alle cozze, allo scoglio, con capperi e pesce spada, agli scampi o all'astice e così via). Esistono anche ricette di scialatielli di terra: con salsiccia e cime di rapa (altro ingrediente simbolo della cucina campana), ai funghi, con ragù napoletano, con pesto di pistacchi. Come si può immaginare, l'elenco potrebbe essere infinito. 

 

 

Storia e origini degli scialatielli all'amalfitana

Gli scialatielli nascono come primo piatto nella costiera amalfitana su invenzione del cuoco Enrico Cosentino (oggi acclamato chef del ristorante Caruso di Sorrento) e allora alle prime armi, stiamo parlando degli anni Sessanta-Settanta.

Cosentino preparò i primi scialatielli all'amalfitana componendo l'impasto con farina, sostituendo il latte alle uova e aggiungendo foglie di basilico, olio e parmigiano grattugiato. Una volta stesa la pasta la tagliò a mo' di tagliatelle anche se più corte (circa 10 cm di lunghezza) e più larghe (circa 8-10 mm) con sezione squadrata.

Il condimento erano i frutti di mare, ossia seppioline, calamaretti, gamberetti, cozze, vongole e vari crostacei e molluschi che di volta in volta si trovavano sul mercato, resi leggermente rosati dall'aggiunta di pomodoro fresco.

Oggi una nuova creazione di Cosentino è la ricetta degli scialatielli con gorgonzola e asparagi selvatici (o asparagina).

La ricetta degli scialatielli all'amalfitana

Scialatielli Amalfitana

Di seguito propongo la ricetta classica degli scialatielli all'amalfitana, specificando che alcuni ingredienti possono essere omessi o sostituiti in base ai gusti personali (capperi, peperoncino, olive) o alla limitata reperibilità (mi riferisco in particolare ai tartufi di mare).

Quanto al formaggio grattugiato, gli scialatielli assumono un sapore ancora più intenso se si sceglie un caprino o un pecorino stagionati al posto del classico parmigiano.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

Per gli scialatielli

  • 200 g farina 00
  • 200 g di farina di semola rimacinata di grano duro
  • 120 g di latte
  • 1 uovo
  • 4 foglie di basilico
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 20 g di formaggio grattugiato (parmigiano, pecorino, caprino...)

Per il condimento:

  • 100 g di vongole veraci
  • 100 g di tartufi di mare
  • 100 g di cozze
  • 150 g di gamberetti sgusciati
  • 250 g di seppioline
  • 250 g di pomodorini pendolini (tipo Pachino)
  • 10 g di olive verdi e/o nere
  • 10 g di capperi
  • 2 spicchi d'aglio
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • peperoncino (facoltativo)
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

Preparare la sfoglia facendo la fontana con la farina, aggiungendo il latte poco alla volta e iniziando ad impastare, successivamente aggiungere anche le uova e l'olio, il formaggio grattugiato e il basilico tritato, continuare ad impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Tenerlo da parte coperto per almeno mezz'ora, quindi riprenderlo in mano e stenderlo con il mattarello fino a raggiungere una soglia di pochi millimetri (non deve essere sottilissima come quella delle tagliatelle per intenderci). Arrotolare la soglia su se stessa e tagliare al coltello gli scialatielli tenendo presente le proporzioni (10 cm di lunghezza per 10 mm di larghezza).

Preparare il sugo facendo aprire le cozze, le vongole e i tartufi di mare tutti nella stessa padella, quindi tenerli da parte separati dal loro sughetto che andrà filtrato e conservato in una ciotola.

Fare un soffritto con l'aglio e rosolare le seppioline e i gamberetti nell'olio, poi unire i pomodorini tagliati a metà, lasciar cuocere per 5 minuti e aggiungere anche le olive e i capperi, il sale, il pepe e il peperoncino. Per ultimi unire vongole, cozze e tartufi.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata scolandola leggermente al dente (bastano circa 4-5 minuti), trasferirla nella padella e saltarla assieme a tutti gli ingredienti. Spolverare di prezzemolo tritato e servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

552 kcal - 2307 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

20 g

Proteine

35 g - 25%

Carboidrati

50 g - 36%

Grassi

25 g - 40%

di cui

 

saturi

4.7 g

monoinsaturi

13.1 g

polinsaturi

3.6 g

Fibre

24 g

Colesterolo

136 mg

Sodio

170 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Angel cake

La Angel cake: può esistere davvero il cibo degli angeli? Provate questa torta sofficissima senza burro né uova.


Le mousse

Le mousse (o spume) sono preparazioni base della pasticceria molto ricche di aria, fatte con la pate a bombe e/o meringa italiana.


Fettuccine alla papalina

Le fettuccine alla papalina: un primo piatto tipico della cucina romana nato come variante della più famosa carbonara.

 


Pasta risottata con i cannolicchi

Pasta ai cannolicchi: un primo piatto di mare meno conosciuto di quello con le vongole ma altrettanto gustoso. Scopriamo come prepararli con la tecnica della pasta risottata.


Triglie alla livornese

Le triglie alla livornese: una ricetta semplicissima e ipocalorica che affonda le sue origini nei primi anni del Novecento.


Agnello (abbacchio) alla romana

Agnello o abbacchio alla romana: una ricetta gustosa per cucinare la carne di agnello abbinandolo alle acciughe sotto sale.


Spaghetti aglio olio peperoncino

Spaghetti aglio olio e peperoncino. La ricetta e le possibili varianti, come quella con olio a crudo.