Teff (cereale)

Il teff è il cereale più piccolo coltivato al mondo, tanto che la parola "teff" in Africa, sua zona originaria, significa "perduto", proprio per via della facilità con cui i chicchi scivolano e sfuggono dalle mani. Il seme di teff ha un diametro di 0,8 mm.

Proprio per via delle sue dimensioni il teff in Occidente viene commercializzato per lo più come farina nei negozi di alimenti biologici al prezzo di circa 8/10€ ogni 100 grammi.

Il teff è nativo dell'Etiopia dove viene chiamato anche taf, erba verde o erba di Williams, mentre il suo nome scientifico è Eragrostis tef, viene coltivato anche in Eritrea, in India e in Australia.

La pianta del teff è molto resistente, cresce anche in luoghi interessati dalla siccità, ma predilige altipiani sui 1800-2000 metri di altezza, e le temperature ottimali sono comprese tra i 10 e i 27°C, non tollera le gelate.

In Africa la coltivazione di questo cereale è una delle più antiche, si stima che i primi tentativi di addomesticazone del teff vi furuno già nell'8000 a.C.

Esistono due tipologie di teff a seconda della colorazione del seme, quello bianco e quello rosso, il secondo è quello più facile da coltivare e quindi quello più diffuso e meno costoso (vedi foto in basso). 

La raccolta può essere fatta manualmente oppure con l'ausilio di macchine, l'operazione deve comunque essere molto delicata, senza sbattere troppo le spighe, poiché i semi tendono naturalmente a cadere sul terreno e andrebbero persi.

Qualità nutrizionali

Il teff è un cereale privo di glutine, adatto quindi anche a chi soffre di celiachia, inoltre è molto ricco di lisina, un amminoacido essenziale di cui sono carenti quasi tutti gli altri cereali.

 

 

Teff cereale

Dato il suo basso indice glicemico è anche adatto a chi soffre di diabete. È anche una buona fonte di vitamina B1 e B6 e di sali minerali quali il manganese, il ferro e il magnesio.

Il teff in cucina

La farina teff può essere usata per fare il pane, la pizza, i crackers ma anche dolci, torte o biscotti, insomma tutti i prodotti della panificazione e della pasticceria.

I granellini di teff, quando reperibili, possono essere cotti bolliti in un po' d'acqua oppure usati crudi un po' come si fa con i semi oleosi nelle insalate.

Il teff ha un alto potere addensante, quindi attenzione alle dosi, soprattutto se lo si impiega nelle zuppe.

In Etiopia la farina di teff è principalmente utilizzata per realizzare la injera, una sorta di piadina che fa da accompagnamento a stufati di carne e salsiccia come lo zighinì.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Chorizo (salame spagnolo)

Il chorizo: il salame alla paprica, più o meno piccante, tipico della cucina spagnola, portoghese e sudamericana.


Sanguinaccio e morcilla

Il sanguinaccio: l'insaccato a base di sangue di maiale e altre frattaglie ormai praticamente scomparso in Italia.


Salamoia bolognese

La salamoia bolognese o aglione: il sale aromatico a base di erbe, spezie e aglio usato per condire le carni, il pesce o i sughi.


Stinco di maiale

Stinco di maiale: il taglio del maiale con cui si preparano deliziosi arrosti a lunga cottura.

 


Salsa barbecue

La salsa barbecue, il condimento statunitense a base di ketchup immancabile durante le grigliate di carne.


Marmellata

La marmellata (e la confettura): tutto quello che c'è da sapere anche dal punto di vista legislativo.


Il fabbisogno calorico

Il fabbisogno calorico giornaliero è la quantità di energia (espressa in kcal) necessaria al mantenimento del nostro peso corporeo.


Il metabolismo basso

Come capire se si ha un metabolismo davvero basso o se si è dei veri mangioni.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.