Fico d'India

Il fico d'India (Ficus indica) è una pianta grassa appartenente alla famiglia dei Cactus originaria del Messico ma, data la sua grande adattabilità e la sua capacità di resistere alla siccità, si è nel tempo diffusa nei terreni aridi di tutto il mondo.

Durante la colonizzazione spagnola dell'America Centrale, nel Quattrocento, il fico d'India era considerato una delle merci più pregiate. In talia il fico d'India (scritto anche ficodindia) ha trovato il suo habitat naturale in Sicilia, Calabria, Sardegna, Basilicata e Puglia, tanto che negli anni si è affermato come prodotto tradizionale di queste terre.

Il fico d'India è una bacca che cresce ai bordi dei cladodi (le foglie grosse e carnose del cactus) molto variabile per dimensione (tondeggiante o ovale) e colore (dal giallo al rosso), dotata di spine esterne e tanti semi all'interno. La polpa è molto dolce e gustosa.

Fico d'India

Le varietà più coltivate in Italia sono la Gialla, la Bianca e la Sanguigna, a seconda del colore del fico d'India, per dare un effetto cromatico più attraente sul mercato.

Usi e proprietà del fico d'India

Il fico d'India può essere mangiato in numerosi modi: fresco, in salamoia, candito, in infusione per realizzare liquori e sciroppi, o cotto in marmellata. In Messico con il fico d'India si ottengono anche un miele ed un formaggio (detto "queso de tuna").

 

 

Si consiglia di consumare i fichi d'India con moderazione perchè i semi contenuti nella polpa possono essere causa di occlusioni intestinali, meglio se accompagnati dal pane la cui mollica assorbe i semini.

La polpa delle foglie e dei frutti del fico d'India viene usata anche dall'industria cosmetica e farmaceutica per realizzare creme, shampoo, lozioni per il corpo, rossetti. Le proprietà riconosciute al fico d'India sono quelle di mantenere il buono stato di salute, prevenire lo stress e l'invecchiamento cellulare, essere diuretico e cicatrizzante.

Infine, la pianta del fico d'India è usata anche per realizzare gomme, fibre e adesivi. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Salsa pearà

La salsa pearà è tipica del veronese, a base di pepe, viene utilizzata per accompagnare i bolliti di carne.


La mozzarella fa ingrassare?

La mozzarella fa ingrassare? È tradizionalmente considerato un formaggio adatto in una dieta ipocalorica, in realtà a causa della sua appetibilità è un formaggio pericoloso per la linea!


Mozzarella o fiordilatte

La mozzarella o fiordilatte è un formaggio a pasta filata prodotto con latte vaccino che ha riscontrato un successo clamoroso in tutto il mondo.


Calorie del formaggio

Le calorie del formaggio sono molto variabili, ma dividendo i formaggi in categorie è possibile calcolarle in modo molto semplice!

 


Salsa bernese

La salsa bernese è una sorta di maionese preparata con burro, uova ed erbe aromatiche di origine francese. Scopriamo una ricetta infallibile con meno burro e senza dover usare il bagnomaria.


Ricotta di vacca, pecora e capra

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Tagli di carne bovina

Tagli di carne bovina: come riconoscerli, le differenze, gli utilizzi.


Campylobacter e campylobatteriosi

La campylobatteriosi è una malattia a trasmissione alimentare solitamente innocua ma che può portare, in alcune situazioni, a danni gravissimi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.